Miglior vogatore 2020: classifica e guida all’acquisto

Sei alla ricerca di uno strumento ginnico per arricchire (o inaugurare) la tua palestra casalinga? La solita panca per addominali e la sbarra per le trazioni sono facilmente reperibili a un buon prezzo, ma oltre a coinvolgere solo determinate zone del corpo potrebbero esercitare poca attrattiva agli occhi dei più. Fra gli attrezzi più in voga del momento, apprezzato sia per la sua completezza sia per la varietà di modelli disponibili sul mercato, c’è il vogatore. In questo articolo ti introduciamo a questo strumento, presentandoti la nostra classifica e guida all’acquisto al miglior vogatore.

Nato come strumento per il rawing indoor – letteralmente, remare in casa – il vogatore simula a tutti gli effetti la remata del canottaggio. Lungi però dall’essere uno strumento specifico utile solo a chi si diletta in canoa, il vogatore ti permette di bruciare calorie e allenare tutti i muscoli del corpo in una sola sessione di allenamento. Si tratta, in effetti, di uno degli attrezzi più completi e, anche se richiede un po’ di spazio in casa, può tranquillamente sostituire gli altri “soliti noti” della palestra.

A cosa serve il vogatore

Più che chiedersi a cosa serve un vogatore, sarebbe forse meglio elencare quali muscoli non allena. Attraverso il movimento coordinato di spalle, braccia, gambe e torso puoi infatti tonificare praticamente tutto il corpo. Inoltre, la ripetizione fluida e rapida del gesto ti permette di sudare e quindi bruciare calorie, con evidenti vantaggi per il sistema cardiovascolare. Le aree che, in particolar modo, beneficiano del vogatore sono schiena, gambe e glutei, braccia, spalle. Si stima che in una sessione di allenamento con questo attrezzo venga coinvolto l’80% della muscolatura totale del corpo.

vogatore

Come funziona un vogatore? Questo attrezzo combina il movimento simultaneo della parte superiore e della parte inferiore del corpo. Con le braccia si tira verso di sé un manubrio, che funge da remo. Le gambe, al contempo, si contraggono contribuendo alla spinta. Un buon esercizio anche per la coordinazione dei movimenti, oltre che per mantenere eretta la postura della schiena – che, altrimenti, sarà dolorante dopo la prima sessione.

La fluidità del movimento che non richiede sovraccarichi rende questo tipo di allenamento adatto anche alle persone in sovrappeso che vogliono approcciarsi a un esercizio davvero efficace ma accessibile. L’importante è cominciare da resistenze basse, quindi con un’intensità contenuta, mantenendo la velocità dei movimenti stabile. Come tutti gli attrezzi che permettono un allenamento prolungato, il vogatore è anche un perfetto antistress per sfogare la tensione dopo il lavoro. Basterà chiudere gli occhi per sognare di essere a bordo della propria canoa circondato da un verde panorama!

Come scegliere il miglior vogatore

Essendo un attrezzo completo nella sua funzionalità, il vogatore è anche uno degli strumenti per la palestra indoor più complessi e si presenta nel mercato sotto diverse forme. La prima discriminante di cui devi tener conto se vuoi scegliere il miglior vogatore per te è l’utilizzo che intendi farne. Posto che un principiante dovrebbe affacciarsi gradualmente a una routine di allenamento con questo strumento, se vuoi utilizzare il vogatore con ritmi amatoriali puoi partire da un modello standard. L’attrezzo farà comunque il suo dovere e non sarà necessario ricercare funzionalità più impegnative e, quindi, costose.

Se invece sai che ti allenerai tutti i giorni o ti stai preparando per una competizione di canottaggio probabilmente preferisci investire in un vogatore professionale. Questo inciderà innanzitutto sulla resistenza dell’attrezzo: non tutti i vogatori hanno infatti la possibilità di impostare diversi livelli di resistenza e, quindi, di difficoltà, ed è sempre bene avere un attrezzo regolabile di almeno 10 livelli di intensità.

La resistenza di un vogatore, oltre a determinarne la difficoltà di utilizzo, permette anche di replicare l’esatto sforzo e l’esatto movimento che faresti a bordo di una canoa. Esistono vari tipi di resistenze, che riproducono questo sforzo tramite acqua, aria, pressione o magnetismo. Approfondiremo questo aspetto, cruciale, più avanti. Il tipo di resistenza determina anche altri fattori del vogatore, come la sua silenziosità (garantita nei modelli elettromagnetici, meno in quelli ad aria o ad acqua) e la sua capacità di replicare l’effettiva vogata.

Se utilizzi questi strumenti per prepararti a una competizione di canottaggio, i modelli ad acqua sono sicuramente i più verosimili. Se invece vuoi concentrarti su ritmo, tonificazione muscolare e perdita di grasso puoi affidarti anche agli altri modelli più economici e pratici. Altra caratteristica, che è invece adatta solo a un utilizzo professionale, un display computerizzato. Sarai così capace di registrare l’attività fisica e di tenere nota dei tuoi parametri di allenamento (velocità, numero di vogate, tempi), per monitorare progressi e obiettivi.

Un elemento in cui ti consigliamo di investire solo se intendi fare un utilizzo professionale del vogatore è la cosiddetta trazione scandinava, che replica esattamente la remata del canottaggio a doppi remi da tirare verso l’esterno. In questo caso l’esercizio richiede una giusta conoscenza del movimento da effettuare (il rischio non è solo di sbagliare l’allenamento ma di andare incontro a distorsioni e infiammazioni) e, soprattutto, una buona prestanza fisica.

In alternativa, un principiante o amatore può optare per la classica trazione centrale, il cui movimento è più fluido e richiede meno sforzi e meno tecnica. Attenzione, infine, anche alla comodità del sellino: la seduta deve ospitare lunghe sessioni di allenamento intenso, e deve quindi essere adeguatamente confortevole.

Migliori vogatori da comprare: la classifica

Ricapitolando. Prima di acquistare un vogatore, assicurati innanzitutto di avere sufficiente spazio in casa. Anche se alcuni modelli più leggeri possono essere spostati e trasportati con relativa agilità, l’ideale sarebbe che tu dedicassi a questo strumento una vera e propria postazione fissa, che diventerà anche il tuo piccolo angolo di sfogo antistress quotidiano.

Scegli poi il modello in base alla tua prestanza fisica e alla frequenza e intensità di utilizzo che intendi farne. Inutile investire centinaia di euro in uno strumento professionale e altamente impegnativo che poi sarai scoraggiato ad utilizzare.

In base a questo, scegli anche il tipo di resistenza di cui hai bisogno. Per replicare l’esatto movimento che fai quando pratichi canottaggio avrai bisogno di una struttura con resistenza ad acqua. Esistono, però altre alternative altrettanto efficaci ma meno ingombranti. Il consiglio per i principianti è di cominciare da una struttura base. Una volta presa confidenza con il vogatore, potrai investire in un attrezzo più articolato e tecnologico, che registri anche i tuoi progressi e i risultati raggiunti.

Il prezzo di un vogatore è proporzionale alle sue funzionalità: un modello base che promette di funzionare bene per un amatore casalingo si aggira intorno ai 150 euro. Salendo di qualità, si sale ovviamente anche di prezzo, fino ad arrivare ai 700/800 euro per i modelli più professionali, che sono anche quelli che ritroveresti in palestra. Se ti sembra tanto, ricorda: il vogatore è un attrezzo davvero completo e capace di inglobare in un solo esercizio l’allenamento della maggior parte dei muscoli del corpo.

L’investimento è a risultato garantito! Andiamo a vedere i modelli che abbiamo selezionato per la nostra classifica e guida all’acquisto de migliori vogatori del 2020.

SportPlus Vogatore per Casa

SportPlus Vogatore per Casa

Un modello intermedio che unisce facilità di utilizzo a funzionalità professionali. Dotato di 8 livelli resistenza magnetica silenziosi e regolabili manualmente. Attraverso il computer di allenamento integrato puoi monitorare tempi, frequenza di vogate, calorie bruciate, distanza percorsa e frequenza cardiaca (le pulsazioni vengono misurate mediante le cinghie toraciche). Selezionabili anche 6 programmi di allenamento preinstallati. Sellino comodo e su binario.

Per quanto riguarda le dimensioni, la struttura di questo vogatore del peso di circa 150 kg è pieghevole. Da aperto occupa 190 cm x 51 cm x 51 cm x 77 cm.

> Compralo su Amazon

Concept 2 Modello D

Concept 2 Modello D

Vogatore con resistenza ad aria e monitor avanzato PM5. Attraverso il display puoi tenere sotto controllo i dati del tuo allenamento, compresa la frequenza cardiaca (misurata senza cavi). Compatibile con pennetta USB drive, puoi anche registrare ed esportare le tue prestazioni.

La struttura, anche se di dimensioni importanti, è leggera e dinamica; per riporlo, puoi smontarlo in due pezzi e il profilo è mantenuto basso dalla seduta ad altezza 36 cm circa. Pedaliera regolabile ed impugnatura ergonomica e piegabile con un’angolazione di 10° ne garantiscono un’utilizzabilità ancora più pratica e una vogata davvero fluida.

> Compralo su Amazon

Diadora Vogatore River

Diadora Vogatore River

Questo vogatore replica la remata del canottaggio attraverso un sistema di resistenza e frenaggio ad acqua, che puoi comunque regolare elettronicamente secondo 6 livelli di intensità attraverso il display LCD. Compresi nel computer “di bordo” 6 programmi preimpostati di allenamento, ciascuno specifico per gruppi diversi di obiettivi.

Anche in questo caso, la possibilità di rilevare la frequenza del battito cardiaco è wireless e non dovrai legarti alcun laccio al braccio. Il cinturino fermapiede è montato su un poggiapiedi regolabile in base alla tua altezza. Comodo sedile a rullo con cuscinetti a sfera e ruote di trasporto per spostare il vogatore dove vuoi.

> Compralo su Amazon

Toorx Rower Sea Vogatore ad Acqua

Toorx Rower Sea Vogatore ad Acqua

Vogatore ad acqua che, in base al riempimento del serbatoio, permette di allenarsi con 6 diversi livelli di resistenza, fornendo così un’esperienza di vogata realistica ma, allo stesso tempo, accessibile a tutti. Binario in alluminio e sellino con cuscinetti a sfera. La struttura è nel complesso, solida ma leggera: 45 kg di peso del vogatore supportano fino a un carico massimo di 130 kg.

Richiudibile e salvaspazio: una volta piegato occupa 56 cm x 84 cm x 200 cm e puoi riporlo ovunque. Anche questo modello è dotato di un display dal quale regolare intensità di allenamento e con cui registrare i propri parametri.

> Compralo su Amazon

Sportstech Vogatore RSX500

Sportstech Vogatore RSX500

Fra le utilità di questo vogatore, la possibilità di gestire il proprio allenamento e i propri parametri grazie al sistema collegabile con l’app, gestibile tramite l’ampio schermo da 5 pollici o usufruendo del comodo porta tablet. I programmi di allenamento sono ben 12 e dispone anche di una funzione per l’allenamento basato sulla tua frequenza cardiaca e di una modalità gara (500 metri). Pedali anti-scivolo con cinghia regolabile. La vogata è fluida e silenziosa, con una tecnologia frenante dolce e ben 16 livelli di resistenza.

Un vogatore, insomma, che promette una personalizzazione massima delle performance.

> Compralo su Amazon

Tunturi Cardio Fit R30 Vogatore per Casa

Tunturi Cardio Fit R30 Vogatore per Casa

Un vogatore dalle buone prestazioni e dal facile utilizzo, perfetto per chi si affaccia per le prime volte a questo mondo ma non vuole rinunciare a un profilo professionale per i suoi attrezzi. La resistenza magnetica è regolabile secondo 8 livelli, gestibili attraverso un monitor che controlla anche tempo di vogata, distanza ideale percorsa e frequenza cardiaca. Dotato di rotelle per il trasporto, è pieghevole e fornito di pedali rivestiti in materiale antiscivolo con cinghie regolabili. Alloggio per il tablet e vogata silenziosa ti permetteranno di allenarti mentre guardi la tua serie preferita. Con un peso rotante di 7 kg, supporta fino a un massimo di 110 kg.

> Compralo su Amazon

Diversi tipi di vogatori

Resistenza ad aria

L’elemento che fornisce la resistenza necessaria per lo sforzo della vogata è, in questo caso, l’aria. Il vogatore con resistenza ad aria è dotato di un volano all’interno del quale le pale ruotano in seguito alla trazione esercitata dal manubrio tirato dall’utente. Sebbene l’assenza di liquido potrebbe portare a ritenere il vogatore più leggero, l’attrezzo richiede invece un serbatoio più ampio per generare attrito sufficiente ed è quindi più ingombrante. Fra gli inconvenienti anche il rumore, difficilmente assorbile.

Resistenza a pistone idraulico

I vogatori con questo tipo di resistenza sono dotati di due pistoni posti sotto la rotaia di scorrimento o, in ogni caso, ai piedi dell’atleta. Semplicemente tirando i due remi si avverte la resistenza esercitata dal pistone che riproduce lo stesso movimento della remata. Anche se i muscoli coinvolti in questa trazione sono gli stessi impiegati nel canottaggio, la resistenza replicata dal pistone non è certo paragonabile a quella richiesta da una vera vogata.

Ciononostante, si tratta di un buon compromesso casalingo perché facilmente reperibile anche a fasce di prezzo economiche.

Resistenza magnetica

La resistenza alla vogata, in questo tipo di attrezzi da palestra, è data da un sistema elettromagnetico. Il vantaggio principale di questo tipo di vogatori è sicuramente la silenziosità. Inoltre, la vogata non varia l’intensità della resistenza, che si mantiene costante ad ogni singola trazione. Cosa non sempre garantita dai vogatori ad acqua che replicano anche la variazione di resistenza esercitata dal flusso del liquido.

Ne esistono di vari tipi e per tutte le tasche, dai modelli più basilari a quelli professionali per le palestre. Sono dotati di un manubrio (a differenza dei due remi del vogatore con resistenza a pistone idraulico).

Resistenza ad acqua

Come ci suggerisce il nome stesso, questi vogatori offrono l’esperienza più simile alla vogata del canottaggio. Si prestano bene ad allenamenti intensi e duraturi poiché funzionanti grazie alla semplice azione meccanica delle pale immerse nel serbatoio. L’inconveniente di questi vogatori, come si può intuire, è dato dalle loro dimensioni piuttosto ingombranti e dal loro peso significativo. Nonostante questo, trattandosi di un prodotto capace di durare a lungo nel tempo, sarà sufficiente trovare una disposizione adeguata in casa e mantenerli lontani da fonti di calore (specialmente i modelli in legno). Il rumore prodotto è lo stesso dell’acqua che si infrange sulle pale di un remo: rilassante ma costante.

Come utilizzare un vogatore

Per utilizzare correttamente un vogatore è bene avere chiare le proprie caratteristiche di resistenza e allenamento muscolare. Se non si è abituati a svolgere esercizi mirati per la schiena, meglio approcciarsi gradualmente a questo attrezzo. Innanzitutto, come per tutti gli allenamenti che richiedono una certa intensità, è sempre bene praticare un adeguato riscaldamento prima di salire in sella a un vogatore.

Comincia con movimenti lenti che non affatichino troppo i muscoli dorsali o carichino eccessivamente la schiena. Stesso discorso per gli addominali. Quando il vogatore è in azione, questi muscoli si troveranno coinvolti in una serie di contrazioni che potrebbero affaticarli, se non si è adeguatamente preparati. Rispetto alle altre fasce muscolari, gli addominali sono infatti meno impiegati per le trazioni di un vogatore, ma è richiesto comunque un buon livello di resistenza.

Altro consiglio fondamentale su come utilizzare un vogatore riguarda la coordinazione dei movimenti. Assicurati che la parte superiore del corpo e quella inferiore si muovano in armonia e senza disequilibri di affaticamento: ad ogni spinta delle gambe deve corrispondere una spinta delle braccia di uguale intensità. Trova così il tuo ritmo e procedi mantenendoti costante nello sforzo: un allenamento con il vogatore è efficace se duraturo, quindi dosa bene l’intensità!

Attenzione anche a mantenere la corretta posizione verticale del busto, che non deve sporgersi all’indietro quando arrivi al culmine della trazione (quando, cioè, le gambe sono completamente distese). Mantieni anche spalle basse e ginocchia e gomiti paralleli.

Non si tratta di semplici consigli, ma di vere e proprie regole che devi seguire se vuoi ottenere buoni risultati utilizzando un vogatore. L’alternativa è quella di uscire doloranti dai primi 20 minuti di allenamento e accantonare per sempre questo attrezzo dalle ampie potenzialità.